Auronzo Emigrants

Many too many have never returned to their native town

THE CADORE OF EMIGRANTS 

 



Il Cadore degli Emigranti
  É
il titolo di un'interessante pubblicazione di Gianni Pais Becher, scrittore e guida alpina di Auronzo, di cui pubblichiamo l'introduzione curata dallo stesso autore

Gianni Pais Becher vive ad Auronzo di Cadore, in provincia di Belluno. Scrittore, ricercatore e guida alpina, mettendo insieme le sue grandi passioni, ha realizzato reportage di viaggio pubblicati in note riviste specialistiche e numerosi filmati, guide e pubblicazioni, tradotte anche in lingua straniera. Il suo grande interesse per i luoghi e la cultura di diversi popoli che abitano le montagne del mondo (dalla Groenlandia al Tibet, dalla Mongolia al Perù), non gli ha impedito di "esplorare" anche il passato della sua gente e della sua terra, indagando a fondo la memoria degli anziani. L'entusiasmo per la ricerca lo hanno portato a compiere un viaggio, durato oltre un decennio, sulle tracce degli emigranti cadorini e dagli incontri con le donne e gli uomini che lasciarono le Dolomiti per attraversare l'oceano, dalle loro testimonianze, lo stesso Pais Becher ha scoperto un Cadore che non conosceva. Quel Cadore che ha raccontato nelle pagine di un libro, di cui proponiamo l'introduzione dello stesso autore.


L'idea di recuperare la memoria degli anziani emigrati dal Cadore verso le Americhe, l'Australia e la Nuova Zelanda, mi è venuta in mente dopo alcuni viaggi compiuti negli Stati Uniti d'America, dove ho incontrato centinaia di famiglie di origine cadorina che mi hanno stupito per la profonda conoscenza della storia, della cultura e delle tradizioni, con racconti ricchi di memorie inedite.

Le loro testimonianze mi hanno affascinato ed arricchito interiormente, caricandomi dell'entusiasmo necessario per intraprendere un lungo e difficile lavoro di ricerca durato oltre un decennio, che mi ha portato ad approfondire alcuni aspetti del contesto storico e culturale del Cadore che non conoscevo.

Molti emigranti che ho incontrato negli anni 80 sono nel frattempo scomparsi, ma sono rimasto in contatto con i loro discendenti, con i quali ho intessuto una fitta rete di corrispondenza.

Mentre scrivo queste righe mi giunge notizia della scomparsa di Vivian Vecellio None che nel 1988 mi ha ospitato nella sua casa con l'affetto di una madre. La sua morte segue quella di Maria Vecellio del Monego alla quale ero molto legato: ambedue risiedevano a Lewis Run in Pennsylvania.

A loro e a tutti coloro che mi hanno aiutato nelle ricerche per la compilazione di questo volume, vadano i miei più vivi ringraziamenti e l'affetto sincero. Un particolare ricordo va a Antonia (Nina) Zandegiacomo Marzer, morta nel 1996 a Bradford Pa. all'età di 106 anni e alla figlia novantenne Clarina Vecellio None.

Da quando, nel 1987, ho compiuto il primo viaggio sulle tracce degli emigranti cadorini in America, Clarina mi aggiorna settimanalmente sulla situazione degli emigrati a Bradford e Lewis Run Pa. Lei conosce il giorno esatto in cui "l'saroio pasa la sesia de San Roche", lei mi avverte dello sbocciare delle viole, dei mughetti o dei ciclamini, come se il profumo di quei splendidi fiori arrivasse fino in Pennsylvania…Clarina, anima sensibile che ama e conosce la sua terra d'origine meglio di molti che la abitano!

E a Luigi Coletti nato a Tai di Cadore nel 1926. Aveva solo tre anni quando fu costretto a emigrare con la famiglia in Francia, dove si ritrovò appena quattordicenne orfano e solo a girovagare per le macerie di Marsiglia bombardata dagli inglesi e dagli americani. Rientrò in Italia ma dopo alcuni mesi decise di ritornare in Francia, da dove emigrò in Algeria. Vi rimase solo un paio d'anni, poi lasciò l'Africa per approdare in Canadà come meccanico specializzato. Dal Canadà emigrò negli USA dove risiede tuttora. E' cittadino americano ma parla molto bene il Ladino cadorino. Arrivato in Italia per un periodo di vacanze, venuto a conoscenza delle mie ricerche, è venuto a trovarmi per raccontarmi le sue vicende.

Tutti, nessuno escluso, si sono dimostrati veri figli del Cadore, terra che hanno dovuto abbandonare a malincuore per cercare altrove il sostentamento alle loro famiglie. Con alcuni di loro ho mantenuto i rapporti attraverso una fitta corrispondenza e una lunga serie di telefonate, poi, appreso l'uso del computer e di internet, ho raccolto i loro indirizzi e - mail e gli ho contattati attraverso la posta elettronica e le chat lines.

In questo modo e tramite alcuni viaggi effettuati negli Stati Uniti ed in America Latina (l'ultimo nell'autunno del 1999), ho potuto raccogliere le preziose testimonianze sulla memoria dei loro avi, che emigrati in terre lontane hanno conservato gelosamente il patrimonio culturale e storico della terra d'origine.


Patrimonio ereditato oralmente, generazione dopo generazione, e conservato gelosamente senza passare attraverso i filtri della trasformazione intervenuta in Cadore, dove l'identità contadina e montanara, ricca di cultura e tradizioni che traggono origine da lontane epoche protostoriche, è stata accantonata, per far posto a una monocultura industriale avulsa dalla nostra realtà socio - economica.

L'industria degli occhiali ha assorbito la quasi totalità delle forze economiche e intellettuali del Cadore, penalizzando il turismo e l'artigianato locale e causando l'abbandono delle secolari attività agricole e silvopastorali e il conseguente deterioramento dell'ambiente naturale. Vendute le mucche, le capre e le pecore, abbandonate le malghe ed i pascoli, trascurati i boschi e i prati, svenduti i terreni alla speculazione edilizia, bruciate le vecchie foto, distrutti i preziosi attrezzi ed oggetti della cultura montanara, molti si sono gettati a capofitto nel miraggio industriale, che dopo un iniziale euforia generale ora dà consistenti segni di cedimento.

Per questo motivo la memoria degli emigranti è risultata essere molto preziosa. Soltanto chi ha dovuto abbandonare per sempre il paese natio, ricorda con nostalgia la terra d'origine com'era prima della trasformazione industriale. Soltanto loro hanno conservato documenti, foto d'epoca, memorie storiche, tradizioni, leggende, filastrocche, detti e proverbi, con la nostalgia e l'orgoglio di chi è cosciente di avere le radici in uno degli ambienti naturali più belli del mondo: tra le Crode del Cadore.

Il Popolo Cadorino ha dovuto convivere con l'emigrazione fin dall'antichità, dapprima come ricerca di lavoro stagionale verso la pianura Veneta, l'Istria, il Tirolo, la Carinzia, la Slovenia, la Croazia, l'Ungheria, la Germania, la Francia, il Belgio e la Svizzera, poi con un esodo senza ritorno che ha privato la nostra terra della gente più forte e più coraggiosa.

Fin dal 1600 si ha notizia di Cadorini che giravano per le contrade d'Europa e dell'Est Europeo come finestrai, calderai, arrotini, seggiolai, carbonai, muratori e come minatori. Andavano di paese in città, di casa in casa ad offrire le loro arti, i loro mestieri e ritornavano a casa giusto in tempo per il periodo della semina nei campi e della fienagione.

A quei tempi i campi del Cadore producevano frumento, segala, orzo, farro, avena, fava, fagioli, piselli, grano saraceno, granoturco, lino, canape, lenticchie, barbabietole e lattughe di ogni tipo. Vangavano i campi, ne sistemavano i perimetri, aravano, seminavano, falciavano l'erba e subito dopo si preparavano a ripartire. Messo in spalla il bastone alla cui estremità era appeso un fagotto contenente i pochi capi personali e i ferri del mestiere, a piedi, i più fortunati in groppa a un cavallo, passavano il confine e attraverso strade e sentieri conosciuti si spingevano lontano a riprendere il loro lavoro. Coloro che rimanevano a casa provvedevano a pascolare gli animali, a lavorare nei boschi e a fornire manodopera per le miniere.

Nel 1812 i residenti in Cadore erano 24600. Questi allevavano 12000 bovini, 18000 pecore, 7500 capre e 500 suini. Nel 1869 i residenti erano quasi raddoppiati, 41297 abitanti stabili ( Cortina d'Ampezzo inclusa), e 6410 emigrati, una percentuale altissima che conferma quanto il fenomeno migratorio fosse diffuso.

Non è possibile indagare a fondo la storia dell'emigrazione dal Cadore perchè troppo articolata e complessa, basti pensare che alcuni emigranti cadorini si sono spinti perfino in Siberia a costruire la Transiberiana. Ma il grande esodo doveva ancora cominciare: verso il 1875 dagli Stati Uniti e dall'America Latina giunse anche in Cadore la richiesta di boscaioli, minatori, muratori ed addetti all'agricoltura. Con l'arrivo dei medici condotti, la mortalità infantile, che a quei tempi era una delle maggiori cause di morte, diminuì notevolmente, con il conseguente incremento della popolazione. Le bocche da sfamare erano aumentate, le Crode non davano prodotti sufficienti per tutti, il turismo non esisteva ancora e tranne alcuni addetti nelle miniere e nelle segherie, l'industria era praticamente inesistente.

Gli uomini si ritrovavano nelle piazze dei villaggi a discutere, a cercare insieme una via d'uscita alla povertà e alla fame. Quando alla sera rientravano a casa, davanti agli occhi imploranti dei loro bambini con la pancia vuota, provavano vergogna e imbarazzo,

E allora decisero a malincuore di lasciare le famiglie, le case, i boschi e le Crode per andare a spezzarsi la schiena nelle foreste della Pennsylvania e dello Stato di New York, nelle miniere di carbone del Michigan, della Virginia, del West Virginia e del Minnesota, nei campi assolati del Brasile del Venezuela e dell'Argentina. Attraversarono l'oceano Atlantico stipati nei bastimenti carichi di gente con gli occhi colmi di disperazione e di speranza per un futuro migliore.


Durante la navigazione fecero amicizia con altri Italiani che parlavano idiomi differenti dal loro: sul bastimento si sentiva l'intercalare dei Veneti, dei Friulani, degli Abruzzesi, dei Calabresi e dei Siciliani, tutti figli della stessa nazione ma con lingua, cultura e tradizioni completamente diverse.

Ma si sentivano accomunati dalla stessa povertà, dalla stessa speranza di un futuro migliore, sia per loro, sia per i familiari rimasti in patria. Una volta giunti in terra straniera, consapevoli che uniti era più facile sopravvivere, fondarono Cooperative di Lavoro e di Consumo, Società Operaie di Mutuo Soccorso e persino interi villaggi.

Nel New Jersey, a Clifton e dintorni, gli emigrati della Valle del Boite, soprattutto di San Vito di Cadore fondarono una Cooperativa, costruirono una scuola e una bellissima chiesa, che si incendiò ma che ricostruirono più grande e più bella di prima. A Bradford e Lewis Run in Pennsylvania, gli auronzani fondarono un Società Operaia di Mutuo Soccorso e ancora oggi ci sono più Vecellio sul elenco telefonico di quell'area, che quelli residenti in tutto il Cadore. A Lewis Run la via principale ( la Main Street), è abitata esclusivamente da famiglie di Auronzo. Nel 1987 quando mi sono recato là per la prima volta, entravo e uscivo da una casa all'altra, sempre parlando in lingua Ladina per giorni interi e mi pareva di non avere mai abbandonato il paese natio, di non trovarmi negli Stati Uniti d'America.

Negli USA ho ascoltato i racconti orgogliosi di chi ha partecipato alla costruzione dei primi grattacieli di New York, del Ponte di Brooklyn, delle prime auto della Ford. Ma anche molte grida di dolore di discendenti di emigranti che sono morti con la nostalgia del Cadore nel cuore, consapevoli di non essere riusciti ad avverare le loro speranze, i loro sogni di un avvenire migliore.

Ricordo sempre con commozione le parole che ho letto sulle pagine ingiallite di un diario scritto da un emigrante cadorino in Michigan. Le ultime pagine furono scritte con la grafia tremolante, di chi è cosciente della prossima fine. Sono parole che mi hanno commosso e che conservo nel profondo dell'anima:

"Ho salutato le sorelle, abbracciato mia madre,
poi sono salito sul carro e mentre i cavalli partivano volevo quasi scendere.
Ci fermavamo ogni tanto per far salire i compaesani che venivano con me in America.
Nene Bepa era alla finestra e agitando le mani gridava 'Sane fiol, sane'.
Arrivati alla chiesa di Santa Caterina mi sono girato per
guardare per l'ultima volta il mio paese, l'Ansian, le Crode.
Poi mi sono voltato dall'altra parte per nascondere due lacrime.
Addio Auronzo, il bastimento mi aspetta, addio mamma…
Quante volte ho pensato a quei momenti, quanta nostalgia, quanta voglia di tornare!
Ma ora sono troppo vecchio e nessuno si ricorderà più di me.
Mi hanno scritto che là tutto è cambiato,
che le case in legno sono state demolite per costruire quelle di pietra,
che non riconoscerei più la mia borgata.
Morirò con un grande rimpianto in fondo al cuore:
non aver potuto rivedere le Crode che mi hanno visto crescere.
Eppure ho lavorato duramente per tanti anni, con la speranza di ritornare.
Almeno una volta, almeno per andare via de porteà
A mettere le stelle alpine sulla tomba di mia madre.
Ma non ci sono riuscito…
Addio Auronzo addio per sempre.


Il Cadore si estende per 1428 chilometri quadrati, coperti in prevalenza da crode, boschi e pascoli. Molti figli di questa terra, discendenti di emigrati cadorini, vivono sparsi nel mondo. Se ritornassero a casa tutti insieme, non ci sarebbe lo spazio sufficiente per ospitarli, né le risorse per sopravvivere.

Secondo una stima approssimativa, il numero degli emigrati e dei loro discendenti supera quello dei cadorini residenti.

Durante i miei viaggi alla ricerca delle loro memorie, ho toccato con mano l'amore e la nostalgia che hanno per la terra d'origine, ho raccolto, leggende, superstizioni, pregiudizi, filastrocche, detti e proverbi riconducibili alla cultura e alle antiche tradizioni, alcune fantastiche, altre avvalorate dalle recenti scoperte archeologiche, molte inedite. In questo volume ne propongo alcune nella speranza che siano di stimolo per ulteriori e più approfondite ricerche che ci aiutino a recuperare almeno in parte le nostre radici.

Links utili - Visit the web sites - Enlaces:

http://www.misurina.eu www.auronzo.eu http://www.lavaredosport.eu  

  http://www.culturaindigena.it  http://www.auronzo-misurina.com  http://www.archeoauronzo.com

  http://www.chile.it www.youtube.com/indigeno9 

 

THE CADORE OF THE EMIGRANTS
IL CADORE DEGLI EMIGRANTI
EL CADORE DE LOS EMIGRANTES

Ask to:

Informazioni:

Preguntas:

giannipais@auronzo.eu

 

Emigration has left a deep mark on our territory and thanks to the research carried out by Gianni Pais Becher among the emigrants from Auronzo to the USA and to Latin America, we could recover that culture, still strong precisely because of the distance from the territory of origin that has been jealously preserved in the emigrants’memories with touching integrity.

This book has gathered together tales, short stories, fanciful traditions and superstitions, life styles and proverbs tied to a rural past of stock-raising, of work in the woods and of a deep knowledge of nature in contact with which people lived. Very precious turned out to be also the photographic documentation of a rural past and the present time.

From this research, thanks to the cooperation of hundreds of emigrants, comes to light a Cadore area rich in culture and traditions to be discovered again and to be promoted in a better way, especially among young people, who are nowadays far from the past rural tradition but who must get to know and understand a recent past though very different from the present time but, nevertheless, in harmony with the
nature of this territory.

L'emigrazione ha profondamente segnato il nostro territorio e la ricerca fatta da Gianni Pais Becher fra gli emigranti auronzani negli Stati Uniti d'America e nell'America Latina ha permesso di recuperare una cultura che si è mantenuta forte proprio per la lontananza del territorio di origine, che è rimasto nei ricordi degli emigranti gelosamente conservato con un'integrità di particolare suggestione.

Il libro raccoglie racconti, piccole storie, tradizioni fantastiche e superstizioni, modi di vita e proverbi legati ad un passato rurale fatto di pastorizia, lavoro nei boschi e profonda conoscenza della natura dove si viveva. Preziosa anche la documentazione fotografica fra passato rurale e presente.

Dalla ricerca *grazie alla collaborazione di centinaia di emigranti*, emerge un Cadore ricco di cultura e tradizioni, un Cadore da riscoprire e far conoscere meglio. Soprattutto ai giovani che oggi sono distanti anni luce dalla tradizione rurale di un tempo, ma che devono conoscere e capire un passato recente, nel quale i cadorini vivevano in armonia con la natura di questo meraviglioso territorio dolomitico.

 

 

 

 


Website Builder
Website Builder